Highlight

LA GRANDE ARTE CONTEMPORANEA INTERNAZIONALE ARRIVA ALLO SPONZ FEST

25 agosto 2014 // Commenti disabilitati

SPONZ FEST – MI SONO SOGNATO IL TRENO (20-31 agosto)
Ideato e diretto da Vinicio Capossela
LA GRANDE ARTE CONTEMPORANEA INTERNAZIONALE ARRIVA ALLO SPONZ FEST CON ADRIAN PACI, CLAUDIA LOSI E MARIANGELA CAPOSSELA: SI INAUGURA SPONZ ARTI

sponzarti

Lo Sponz Fest riparte dopo il fuori programma del 24 agosto a Teora,  dove  Vinicio Capossela,  accompagnato dalla Banda della Posta, ha improvvisato un concerto a piazza XX Settembre a base di serenate e celebri pezzi del suo repertorio. Martedì 26 agosto si ricomincia con un denso programma dove alla musica e agli incontri con gli scrittori si aggiunge anche l’inaugurazione a Calitri (ore 19.00) della sezione Sponz Arti, con le installazioni di alcuni tra i più autorevoli artisti contemporanei del panorama internazionale: Adrian Paci, Claudia Losi e Mariangela Capossela, sorella di Vinicio che ha curato l’intera sezione.  A seguire l’incontro “POSTA E LETTERE. Emigrazione, corrispondenza e condizione femminile” con Alfonso Nannariello, Erberto Petoia, Emiliano Giancristofaro, Toni Ricciardi. La presentazione del progetto Archivio Epistolare è curato da Mariangela Capossela.

La giornata inizia a Lioni (ore 9.00) con il consueto appuntamento di Irpinia Trekking e il laboratorio artistico per ragazzi Giocotreno (ore 10.30), a cui segue l’incontro con Remo Ceserani, tra i più importanti studiosi di letteratura comparata (ore 17.00).

Alle 21.30 alla Torre di Nanno di Calitri la la proiezione del film documentario “Indebito” di Vinicio Capossela e Andrea Segre. Alle 23.00 – nella stesa cornice – la serata si chiuderà con il concerto di Dimitris Mistakidis il più consacrato esponente del rebetiko con chitarra.

SPONZ ARTI AL VIA

Adrian Paci artista albanese, tra i più rinomati del panorama contemporaneo, ha esposto le sue opere nei musei e nelle rassegne internazionali d’arte più prestigiosi come il Moma Ps1 di New York e la 51° edizione della Biennale di Venezia. Arriva a Calitri per presentare “The last gestures,” una videoinstallazione a quattro canali che mostra i momenti che precedono un matrimonio e il dramma di una sposa che abbandona la propria famiglia per costituirne una nuova.

Claudia Losi artista piacentina con all’attivo mostre al Museo Maxxi di Roma e alla Fondazione Pomodoro di Milano ha concepito “La promessa” un nuovo progetto artistico collettivo in occasione del Festival. L’artista ha dato inizio ad una raccolta, una mietitura di promesse che ha coinvolto tantissime persone. Oggetto della raccolta sono frasi che rispondono, come piccoli doni, alle domande “Mi puoi raccontare la Promessa che hai ricevuto”? “La Promessa che hai fatto”? Le risposte, assai diverse e di varia “densità” sono state trascritte nei giorni dello Sponz Fest su delle fettucce di stoffa e poi tessute dall’artista di fronte al pubblico, per strada. Il risultato è un grande tessuto in cui trama e ordito, intrecciati, creano un’unica grande pezza in cui le risposte ricevute si mescolano, si cancellano, riemergono con un senso diverso. L’opera sarà esposta dalle 19.00 al Borgo Castello di Calitri.

Mariangela Capossela, sorella di Vinicio e curatrice della sezione Sponz Arti, ha voluto prendere in considerazione una cultura subalterna, quella contadina, dove la famiglia era il punto nodale della vita degli individui. “prendere tra le mani una cultura subalterna significa osservarne la struttura ma anche i processi dinamici che sono ben lontani dall’esser morti – dichiara l’artista – Sponz.arti si propone di dialogare proprio con tali processi, con una particolare attenzione alle spinte egemoniche esercitate sul mondo femminile”.

A questo proposito nell’installazione- performance Monumento all’attesa – Marinagela ha coinvolto un collaudato gruppo di donne calitrane che già aveva partecipato all’opera di Arte Pubblica “L’esposizione del lenzuolo”(*), presentata allo Sponz Fest 2013. Nel nuovo progetto l’artista ha lavorato sui temi della distanza e dell’assenza, in sezioni collettive di catenella all’uncinetto in cui le donne hanno condiviso il vissuto legato all’esperienza di solitudine dovute all’emigrazione maschile. La performance in programma consisterà in un momento collettivo in cui il pubblico potrà unirsi al cerchio dei racconti e della catenella. E’ inoltre previsto un “omaggio alle vedove bianche”, una scultura di catenella dedicata alle donne che hanno aspettato invano il ritorno dei loro sposi dall’estero, vivendo un’intera esistenza di sospensione tra la vedovanza fittizia e la condizione di “spose di clausura”.

Seguirà l’incontro “POSTA E LETTERE. Emigrazione, corrispondenza e condizione femminile”. Con Alfonso Nannariello, Erberto Petoia, Emiliano Giancristofaro, Toni Ricciardi. Presentazione del progetto Archivio Epistolare curato da Mariangela Capossela.

DICHIARA MARIANGELA CAPOSSELA: “Mesi fa è stato lanciato un appello alla cittadinanza per raccogliere corrispondenze di promessi sposi o sposi separati dall’emigrazione, nell’intento di creare nel tempo un archivio epistolare. Diverse lettere sono già state messe in ‘cassaforte’ e un comitato artistico-scientifico si é costituito sognando un treno di progetti lungimiranti. Si inizia a piccoli passi con un progetto pilota nelle scuole per arrivare un giorno ad un museo dell’emigrazione creato con la popolazione e attraverso le parole di coloro che la storia non l’hanno scritta nei manuali, bensì alle loro famiglia. Il tutto per creare una sorta di annales dell’Alta Irpinia pluridisciplinare, in cui storici, insegnanti, artisti, scrittori ed antropologi si faranno guardiani della memoria dell’evento che più di ogni altro ha segnato questo territorio”.

Ad anticipare inaugurazione dello Sponz Arti Alle 17.00 a Lioni l’incontro “In viaggio sui treni di carta tra romanzi, poesie e canzoni”, in cui l’italianista e critico letterario Remo Ceserani si racconta con Vinicio Capossela. Nel libro “Treni di carta. L’immaginario in ferrovia: l’irruzione del treno nella letteratura moderna” Ceserani ripercorre la trasformazione nella storia della locomotiva ferroviaria, rivisitando accuratamente i testi delle letterature europee, dal romanticismo alla temperie futurista. Ceserani ha insegnato in diverse università italiane e straniere (da Berkeley ad Harvard, passando tra Melbourne e São Paulo) ed è considerato tra i più importanti studiosi di letteratura comparata.

Alle 21.30 si torna a Calitri alla Torre di Nanno per la proiezione del film documentario “Indebito” di Vinicio Capossela e Andrea Segre . Il film, che ha riscosso enorme consenso di pubblico e critica, parte dal racconto della difficile situazione economica e sociale greca e riflette sulla natura dell’uomo, proponendo un viaggio sulle note e sui versi del rebetiko, il genere musicale che forse più di ogni altro dà voce alle aspirazioni e al desiderio di rivolta che si respirano nel paese.

Alle 23.00 le note del rebetiko continueranno a diffondersi alla Torre di Nanno con il concerto di Dimitris Mistakidis il più consacrato esponente del rebetiko con chitarra, il rebetiko delle origini. Mistakidis da anni porta avanti assieme alla grande musica di questi pionieri del lamento,  la missione didattica, organizzando numerose iniziative che ne fanno un vero caposcuola. Il 27 agosto , dalle 11.00 al Castello Baronale di Monteverde si terrà nell’ambito del festival un suo seminario sulla chitarra nel rebetiko.

Sin dalla mattina alle 9.00 Irpinia trekking proporrà le sue passeggiate naturalistiche, alla scoperta dell’affascinante territorio Irpino. Appuntamento all’area stazione di Lioni per la camminata alla Fontana Lavina. Alle 10.30 sempre alla Stazione di Lioni per i più piccini il laboratorio “Gioco Treno”.

TUTTI GLI EVENTI DELLO SPONZ FEST SONO GRATUITI
Lo Sponz Fest “mi sono sognato il treno” è un progetto, promosso dal Comune di Calitri (AV), che prevede un protocollo d’intesa di 8 comuni (Aquilonia, Andretta, Cairano, Conza Della Campania, Lioni, Monteverde, Morra de Sanctis, Teora) è finanziato dalla Regione Campania attraverso il POR FESR Campania 2007-2013 Ob.Op. 1.12 “la scoperta della Campania”

Sito ufficiale Sponz Fest www.sponzfest.it
Evento Facebook:  https://www.facebook.com/events/506005306197213/
Pagina Facebook Sponz Fest:  https://www.facebook.com/calitrisponzfest
Per info generali:  info@sponzfest.it  – tel  +39 324.6150591
Ufficio stampa: Giulia Di Giovannigiulidigi@gmail.com - tel +39 334.1949036
Michela Rossetti rossetti.michela1@libero.it  tel +39 347.9951730

Vi aspettiamo questa sera all’ultima data del tour del Carnevale degli Animali!

Vi aspettiamo questa sera all'ultima data del tour del Carnevale degli Animali!

3 luglio 2014 // Nessun Commento »

IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI E ALTRE BESTIE D’AMORE
Musiche di Camille Saint-Saens e canzoni di Vinicio Capossela

con
Vinicio Capossela e il suo ensemble, il Trio Amadei e i Solisti della Vianiner Philharmoniker

Il concerto comprende l’esecuzione del Carnevale degli animali, composto da Camille Saint-Saens nel 1886 e una serie di canzoni di Vinicio Capossela, cucite insieme in un racconto che ci porta a spasso tra le storie di animali celebri, simbolismi e bestiari. Bestie cantate per farci un giro da “bestie incantate”, come venivano chiamate le bestie che si esibivano con i saltimbanchi.

VINICIO CAPOSSELA
voce, pianoforte, chitarra

ALESSANDRO STEFANA
chitarra
VINCENZO VASI
theremin, marimba, campionatori
ZENO DE ROSSI
batteria
PEPPE FRANA
lauto, strumenti medievali a plettro

LILIANA AMEDEI
violino
ANTONIO AMEDEI
violoncello
MARCO AMEDEI
pianoforte

MATTIA PETRILLI
flauto
HELGA PLANKENSTEINER
clarinetto, sassofono
LAURA LANZETTI
pianoforte
SEBASTIANO AIROLDI
violino
LUCIA COLONNA
viola
AMERIGO BERTANI
contrabbasso

VINICIO CAPOSSELA PRESENTA

VINICIO CAPOSSELA PRESENTA

25 giugno 2014 // Nessun Commento »

IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI E ALTRE BESTIE D’AMORE

IL 26 GIUGNO A CASTELLAZZO DI BOLLATE

PER  VILLA ARCONATI MUSIC FESTIVAL

 Musiche di Camille Saint-Saens e canzoni di Vinicio Capossela

con

Vinicio Capossela e il suo ensemble, il Trio Amadei e i Solisti della Vianiner Philharmoniker

e con

PAOLO ROSSI

   “… Chi sono, gli animali che compaiono nei nostri sogni, e perché vengono proprio a noi che abbiamo trascorso gli ultimi due secoli a sterminarli regolarmente, a un ritmo sempre più rapido, senza pietà, specie per specie, in ogni parte del mondo? Eppure con quanta incrollabile fiducia continuano a entrare nella nostra anima del sogno, nelle nostre fantasie infantili, nel nostro immaginario artistico.”

 James Hillman “Animali del sogno”

Leggi tutto

IL 27 GIUGNO PARTE DAL MAREA FESTIVAL DI FUCECCHIO (FI)

IL 27 GIUGNO PARTE DAL MAREA FESTIVAL DI FUCECCHIO (FI)

23 giugno 2014 // Nessun Commento »

IL TOUR DI VINICIO CAPOSSELA E LA BANDA DELLA POSTA

OSPITE SPECIALE FRANCESCA BRESCHI

UNICA DATA IN  TOSCANA

Ore 22.00 Buca del Palio – FUCECCHIO- FI

http://www.mareafucecchio.it

www.viniciocapossela.it www.ponderosa.it

www.calitrifilmfest.it  www.sponzfest.it

Un anno fa “La Cupa” pubblicava il disco “Primo ballo”, disco strumentale completamente dedicato alla musica da sposalizio in uso a Calitri nella storica casa dell’Eco. Il tour di “Vinicio Capossela e la Banda della Posta” dopo aver infiammato la scorsa estate da nord a sud  le piazze dello stivale,  riparte con una nuova veste con la speciale partecipazione della cantante fiorentina Francesca Breschi, il 27 giugno dal Marea festival di Fucecchio. Alle canzoni di Capossela, alle polke, alle quadriglie e alle mazurke del gruppo postale si aggiunge  quest’anno un repertorio che attinge alle musiche folk, al canto sociale e di lavoro, al canto anarchico e alle canzoni di guerra nel centenario del conflitto mondiale, senza dimenticare i cantanti dell’emigrazione ferroviaria degli anni ’60. In anteprima verranno eseguiti alcuni brani del prossimo disco dell’autore insieme a canzoni di Enzo Del Re e Matteo Salvatore e brani come “Inno dei malfattori”, “Il galeone”,  “Te deum de’ calabresi”.  Ai plettri e ai ferri dei banditi, si unirà la chitarra surf-western di Asso Stefana e nelle successive date la straordinarie voce della cantante salentina Enza Pagliara o quella della di Filomena D’Andrea del gruppo irpino Makardìa . Al banco del mixer il produttore Taketo Gohara.  Una Produzione La Cupa –Ponderosa.

Leggi tutto

IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI E ALTRE BESTIE D’AMORE

IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI E ALTRE BESTIE D’AMORE

17 giugno 2014 // Nessun Commento »

18 GIUGNO – RAVENNA FESTIVAL – PINETA DI SAN GIOVANNI

 

Musiche di Camille Saint-Saens e canzoni di Vinicio Capossela

con

Vinicio Capossela e il suo ensemble, il Trio Amadei e i Solisti della Vianiner Philharmoniker

e con

Ermanna Montanari

 

 

 

“… Chi sono, gli animali che compaiono nei nostri sogni, e perché vengono proprio a noi che abbiamo trascorso gli ultimi due secoli a sterminarli regolarmente, a un ritmo sempre più rapido, senza pietà, specie per specie, in ogni parte del mondo? Eppure con quanta incrollabile fiducia continuano a entrare nella nostra anima del sogno, nelle nostre fantasie infantili, nel nostro immaginario artistico.”

 

James Hillman “Animali del sogno”

 

 

Dopo diciassette anni Vinicio Capossela torna il 18 giugno al Ravenna Festival alla Pineta di San Giovanni, per presentare al pubblico della prestigiosa manifestazione “Il Carnevale degli animali e altre bestie d’amore”.

Il nuovo  spettacolo,  tra travestimenti “bestiali” e incursioni teatrali, comprende l’esecuzione del Carnevale degli animali, una suite composta da Camille Saint-Saens nel 1886, articolata in quattordici brani di breve durata ispirati ad altrettanti animali o personaggi, e una serie di canzoni di Vinicio Capossela,  in parte edite “La Cicogna”, “Zarafà”, e in parte inedite, cucite insieme in un racconto che conduce il pubblico tra le storie di animali celebri, simbolismi e bestiari. Bestie cantate per farci un giro da “bestie incantate”, come venivano chiamate le bestie che si esibivano con i saltimbanchi. Soltanto che le bestie sotto incantesimo siamo noi, come ben scrive  James Hillman in “Animali del sogno”. Durate il concerto si alternano canzoni che attingono alla più svariata letteratura, da “L’usignolo e la rosa” di Wilde a “Bestiario d’amore” di R. De Fournival.  Animali classici e animali cantati di Vinicio Capossela, rivisti e riorganizzati dal Trio Amadei per l’orchestra da camera composta dai Solisti della Vianiner Philarmoniker a cui si unisce la formazione composta da Vincenzo Vasi al theremin, Asso Stefana alle chitarre, Zeno de Rossi ai tamburi, e Peppe Frana all’oud e strumenti medievali. La prima al Ravenna Festival vedrà come “specie ospite” la voce narrante della grande Ermanna Montanari del Teatro delle Albe. Le maschere sono state create da Margherita Pillot.

Sergio

Sergio

12 giugno 2014 // Nessun Commento »

Forse si resuscita momentaneamente solo nella musica. Quella musica che Sergio ha tanto amato e promosso. Stasera la musica ce l’ha data lui, prolungando tutte le vocali, elevando tutti i gemiti, raccogliendo tutte le melodie da dove giacevano per lanciarle al cielo. Il più bel concerto di rebetiko ginnastica ce lo ha regalato lui questa sera, privandoci della sua presenza. La musica, per adeguarsi alla sua perdita, ha cercato di farsi migliore. A lui il canto delle sirene d’acqua dolce stasera, fino da Lisbona, città del fado e dell’assenza…

Missirlou
Utrenaja ginnastica
Chiavicone
Marajià
To minore to tekies
Karelias
Corre il soldato
Morna
Cancion de la Simples cosas
Non è l’amore che va via
Abbandonato
Con una rosa
Rebetiko mou
Vadizo ke paramilo (cammino e straparlo)
Protipurghios (Papos)
Il galeone
Signora luna
Cancion mixteca
Kaigome
Atakti
Scivola vai via

Bis
Te dejo a San Antonio
Evalà
Ballo di San Vito
Friscaletto

Solo con Marco Oliveira (chitarra)
Joana Francesa
Estate

Solo piano:
Le sirene.

 

La banda dei rebetici torna in Portogallo con due concerti a Lisbona e Braga

La banda dei rebetici torna in Portogallo con due concerti a Lisbona e Braga

10 giugno 2014 // Nessun Commento »

Dopo il concerto di Loulè che nell’estate 2007 seguì la registrazione di Rebetiko Gymnastas ad Atene, la banda dei rebetici torna in Portogallo con due concerti a Lisbona e Braga.

A Braga sarà proiettato il film Indebito, che a Lisbona è stato ospite di 8 1/2 Festa do Cinema Italiano lo scorso Aprile.
Il concerto è un punto di unione tra due culture diversamente permeate in musica dal sentimento dell’assenza. Se il porto è per la musica quel che il polline è per i fiori, una inflorescenza marina fa risuonare nella risacca i plettri degli strumenti della pena. Il buozuki e la guitarra portughesa, come già nel brano Morna, dove la chitarra di Ricardo Parreira ha unito il suo ricamo all’intarsio acuminato del buzuki, l’affilato strumento dell’errore. Musiche che ci ricordano il nostro essere uomini che ci fanno sentire a tiro della grande mareggiata dell’esistenza. Repertorio speciale con ospiti quello di questo concerto lisboeta,che va a coronare l’avventura iniziata nei caldi giorni ateniesi del 2007. Per questo anno infatti non sono previste altre date di Rebetico Gymnastas.
Attesi Ricardo Parreira, Marco Oliveira, voce e chitarra. Attesi anche tutti quanti di voi amino questa città così ricca di rifugi e sospensioni dalla dittatura dell’attualità.

Depois do concerto de Loulé que teve lugar no Verão de 2007, pouco depois de termos realizado a gravação do Rebetiko Gymnastas em Atenas, a band dos Rebeticos volta a Portugal com dois concertos, um em Lisboa, e outro em Braga.

Em Braga também vai ser projectado o filme “INDEBITO” que já foi apresentado em Lisboa, em Abril passado, durante a festa do Cinema Italiano.
Estes concertos representam um ponto de conjunção entre duas culturas (a portuguesa e a grega), que, de maneira diferente, são permeadas por uma música impregnada do sentimento da ausência.
Se os portos estão para a música como o pólen está para as flores, uma inflorescência marinha produz na ressaca ecos dos plectros dos instrumentos da mágoa.
E assim temos o bouzuki e a guitarra portuguesa, como já os tínhamos experimentado no tema “Morna”, onde a guitarra do Ricardo Parreira uniu o seu bordado aos matizes pungentes do bouzuki, o instrumento afiado do erro.
São músicas que circundam a nossa condição de seres humanos e que fazem com que nos sintamos alvo da grande maré da existência. Executaremos um repertório especial com convidados, o concerto Lisboeta vai coroar a aventura que começou nos quentes dias do Verão de 2007. De facto, para este ano não estão previstos mais concertos de Rebetiko Gymnastas.
Estamos a contar com a participação do Riccardo Parreira, do Marco Oliveira, voz e guitarra. De igual maneira estamos a contar que todos vós possais animar esta cidade tão cheia de refúgios e de suspensões provocadas pela ditadura da actualidade.

Lisbona
https://www.facebook.com/events/644517282293700/?ref=5

Indebito
https://www.facebook.com/events/633809490045847/?ref=5

Braga
https://www.facebook.com/events/564706673645886/?ref=5

Manolis Papos e Vinicio Capossela. Loulè , Portogallo
Luglio 2007
Fotografia di Elettra Mallaby

SALONICCO, SALONICCO!

SALONICCO, SALONICCO!

9 maggio 2014 // Nessun Commento »

“Nella piazza Aristotelus, a Salonicco, c’è il sole. All’angolo,

al kafenìo della meraklìs, ci raggiunge Iannis.

«Qui è sempre difficile» dice «ma vedi, siamo greci.

Se vieni in questa piazza stasera la troverai piena. Se la

Merkel ci venisse anche lei, vedrebbe tutta questa gente

in giro e diventerebbe pazza. Direbbe: “Cazzo, ma allora

hanno ancora soldi?”. Ma non sono i soldi. È il bisogno

di vivere a spingerci fuori.”  V.  Capossela, Tefteri.

L’Istituto Italiano di Cultura di Salonicco, in occasione della Fiera del Libro, organizza in collaborazione con Thessaloniki International Film Festival, Jolefilm, Intershow Productions e Edizioni Kastaniotis, tre eventi a Salonicco per presentare la trilogia delle opere che Vinicio Capossela  ha dedicato alla Grecia.

Giovedi’ 8 maggio, alle 22,00, al cinema Olympion nella piazza Aristotelous, la proiezione gratuita di “Indebito”, alla presenza di Vinicio, della musicista Theodora Athanasiou, e degli altri musicisti incontrati  a Salonicco.  

Venerdi’ 9 maggio, alle 21,30 Vinicio sarà in concerto con Rebetiko Gymnastas  al Principal Club Theater Milos. Ad accompagnarlo Alessandro Stefana, Glauco Zuppiroli e i quattro musicisti greci con i quali ha realizzato le musiche del disco:  Manolis Pappos al bouzouki, Vassilis Massalas al baglamas, Dinos Hatziiordanou alla fisarmonica e Angelos Polychronou alle percussioni.

Domenica 11, dalle 14,00 alle 15,00  Vinicio sarà ospite alla Fiera del Libro, dove, insieme ad

Anteos Chrisostomidis, traduttore e curatore della collana dedicata agli scrittori stranieri dalle

Edizioni Kastaniotis, presenterà il suo libro «Tefteri», in uscita nelle librerie greche.

 

Rebetiko, música para rebeldes sem medo da Crise

Rebetiko, música para rebeldes sem medo da Crise

5 maggio 2014 // Nessun Commento »

indebito

kaigomai, quemo, canta Maríka, acompanhada por bouzukis e baglamás. Lá fora, é noite. Ladrões, prostitutas, vagabundos, na taberna, ouvem o seu triste lamento, enquanto, por perto, Atenas finge dormir, silenciosa. Esta cena do filme Rebetiko, que em 1984 ganhou o Urso de Prata no Festival de Berlim, já faz parte da história do Cinema, da mesma forma que a música que lhe dá o título já faz parte de uma ideia comum da Grécia. Porém, o que é o Rebetiko, música de ausência e revolta, surgida entre os fumos dionisíacos das tabernas sombrias e mal-afamadas do Pireu e, sobretudo, o que é que significa cantar e tocar o Rebetiko, hoje? No Cinema encontrámos novamente uma resposta, graças a Indebito, documentário do realizador italiano Andrea Segre, que um público entusiasta pôde ver no Cinema São Jorge, em Lisboa, por ocasião de 8 e 1/2  Festa do Cinema Italiano. Leggi tutto

PRIMO MAGGIO 2014 – “…Futuro? Ma quale Futuro?!”

PRIMO MAGGIO 2014 – “...Futuro? Ma quale Futuro?!”

24 aprile 2014 // Nessun Commento »

“Il primo maggio ci deve ricordare che alla base del lavoro, del diritto al lavoro, c’è una lotta. Il primo maggio ci deve ricordare questa lotta. Una lotta è diversa da una scampagnata. Questa festa del primo maggio a Taranto è la rara prova di vitalità di un paese che non vuole passare soltanto per i ritrovi televisivi, una festa del lavoro che non vuole ridursi a spettacolo di svago. Una manifestazione nello spirito che ha fatto di questa data un simbolo per cui ancora oggi in molti paesi si combatte aspramente. Taranto è l’esempio eclatante del contrasto tra diritto al lavoro e diritto alla salute, due diritti lesi. Una festa non risolve le cose, ma il tempo della festa è il tempo del Sacro, il tempo sottratto alle leggi dell’Utile, il tempo in cui ci ricordiamo di essere uomini. Per questo saremo alla festa del primo maggio di Taranto, per fare alzare, insieme a tutti gli altri, un po’ di polvere, per aprire un poco questa nube di veleno che ha oscurato la magna Grecia, la “grande” Grecia, che pose l’agonismo e la musica alla base del vivere civile”.

Vinicio Capossela e Banda della Posta

INDEBITO 8 1/2 Festa do Cinema Italiano

INDEBITO 8 1/2 Festa do Cinema Italiano

15 aprile 2014 // 1 Commento »

http://www.festadocinemaitaliano.com/Filme/162

ANDREA SEGRE // Itália-Grécia // 2013 // 84 ’ // Cor // DCP // LEG. PT

Argumento: Vinicio Capossela, Andrea Segre
Fotografia: Luca Bigazzi
Montagem: Sara Zavarise
Arquivo e Música: Sofia Labropoulou, Sotiris Bekas, Dimitris Papadopoulos
Produção: Francesco Bonsembiante por Jolefilm e La Cupa com Rai CinemaIntérpretes: Vinicio Capossela, Theodora Athanasiou, Bufos Puppet Theatr, Keti Dali, Pantelis Hatzikiriakos

‘Rebetiko’ é música nascida do desespero de uma crise antiga – a fuga de Smirne e um dos sons que constrói a identidade da Grécia moderna. É música desautorizada que se insurge contra o poder. Este é um documentário dedicado à escuta da nossa própria ausência, porque a crise moderna, mais do que económica, é identitária. É a consciência de viver sem ar, sem sentido, sem perspetivas.

Vinicio Capossela, um apaixonado, deambula por uma Grécia em rutura, que aos poucos se torna Europa, envolvido no ‘Rebetiko’, canto vivo de uma esperança indevida e desesperada.

SESSÕES

Lisboa  |  17 abr  |  21.30  |  Cinema São Jorge | Sala Manoel de Oliveira